PIERCING OMBELICO-SURFACE-PIERCING NUCA-PIERCING LINGUA-PIERCING ORECCHIO-PIERCING NASO-LABRET


Pagine:   
1    2     3     4     5    


Piercing 2 lobo cartilagine


Piercing Anellino Infradito


Piercing Anti Smiley cerchietto


Piercing Anti Smiley


Piercing Capezzolo Anello


Piercing capezzolo diagonale


Piercing capezzolo femminile


Piercing Capezzolo Trasversale


Piercing Capezzolo Uomo


Piercing Capezzolo Donna


Piercing Capezzolo Femminile


Piercing Capezzolo Verticale


Piercing capezzolo


Piercing Cerchietto infradito


Piercing Clitoride Verticale


Piercing Clitoride


Piercing Corsetto Avambraccio


Piercing Corsetto Schiena


Piercing Dimple Tongue Monroe


Piercing doppio Surface trasversale fianchi


Piercing Doppio Surface Nuca


Piercing Doppio Tongue


Piercing flesh tunnel 8


Piercing frenulo superiore
Pagine:   
1    2     3     4     5    

Piercing, o body piercing, (dall'inglese to pierce, perforare) indica la pratica di forare alcune parti superficiali del corpo allo scopo di introdurre oggetti in metallo, spesso arricchiti con pietre preziose, osso, pietra o altro materiale, come abbellimento o pratica rituale.

Sono soggette a questa pratica soprattutto zone del corpo quali: lobo dell'orecchio, sopracciglio, narice e setto nasale, labbro, capezzolo, ombelico e organi genitali (glande, prepuzio e scroto nell'uomo; piccole e grandi labbra, prepuzio clitorideo e Monte di Venere nella donna).

I motivi che spingono a tale pratica possono essere i più vari e possono includere: religione, spiritualità, tradizione, moda, erotismo, conformismo o identificazione con una sottocultura.
La nascita del piercing moderno deve molto ad alcuni personaggi come Doug Malloy (Richard Simonton), Mr. Sebastian (Alan Oversby), Fakir Musafar (Roland Loomis) e Jim Ward. Si deve a loro l'impegno nella diffusione della pratica, nella realizzazione della gioielleria per piercing e nella definizione di metodi e tempi di guarigione per ogni singolo piercing.

Nel mondo occidentale, di fatto, la pratica ha iniziato a diffondersi in seno alla comunità del tatuaggio: spesso persone pesantemente tatuate hanno preso a forarsi anche lobi, narici, capezzoli e genitali[31]. La pratica era inoltre inizialmente diffusa nei circoli BDSM, poiché parte dei rituali di tali pratiche erotiche, e nelle comunità gay leather statunitensi. Successivamente il piercing ha iniziato ad essere praticato dalle sottoculture giovanili: tra i primi ad utilizzare la perforazione di lobi e narici, ci sono stati gli hippy, tra gli anni sessanta e settanta. A fine anni settanta, e negli anni ottanta, la pratica è poi divenuta di uso comune tra punk e goth. Tra la fine degli anni ottanta e gli inizi degli anni novanta, infine, soprattutto nell'area industrial, si sono diffusi anche piercing più estremi e intimi, come ombelico, capezzoli e genitali. Negli ultimi due decenni il piercing è uscito via via dall'underground per divenire pratica comune anche tra i giovani e tra musicisti, modelle, attori. Sono oggi molto comuni piercing a lobi, sopracciglio, narici, labbro, lingua, ombelico. Meno comuni, ma anch'esse non sono più pratiche da considerarsi ristrette alle sole culture underground o agli attori del cinema porno, sono i piercing a capezzoli e genitali.

Il piercing è praticato dal 60% degli adolescenti aventi un'età compresa tra i 15 e i 19 anni (in Italia è necessario il consenso dei genitori qualora il ragazzo sia minorenne), per il 35% femmine, 25% maschi. La parte del corpo più utilizzata è l'orecchio (89%), seguita dal naso (56%) e dall' ombelico, adornato con brillantini e anellini utilizzati soprattutto dalle ragazze, una della pratiche usate e comunemente chiamata il Dilatatore
Molte persone si sottopongono a questa pratica per un puro fattore di abbellimento del proprio corpo, per poter vantare una diversità o una similitudine con gli altri. Altre persone lo fanno in quanto ritengono che alcuni tipi di piercing, in particolare quelli ai genitali e il tongue (quello alla lingua) aumentino il piacere nel rapporto sessuale.

La maggior parte dei piercing non provocano forte dolore al momento della foratura (eccetto per il foro a genitali o capezzoli) bensì è il post-foro, come nel caso del tongue, a provocare fastidi e gonfiori per circa una settimana.

PIERCER A LECCE-STUDIO DI PIERCING VICINANZE LECCE-PIERCING STUDIO, BODY PIERCING, PIERCING GALLERY-BODY PIERCING GIOIELLERIA PIERCING JEWELERY

2002 - 2012 Tattoo e Piercing tatuaggi e piercing tatuatori e tatuaggi il portale dei tatuaggi   Sitemap